lunedì 29 marzo 2010

Come si sceglie di pubblicare un libro?

Alle 15.00 dello scorso venerdì 26 marzo, in seno alla neonata manifestazione Libri come – Festa del Libro e della Lettura, e in una sala gremita di partecipanti, otto rappresentanti (editor e/o fondatori e/o AD) di medie e grandi case editrici italiane esprimono a turno il proprio punto di vista sulle motivazioni che soggiacciono al processo di selezione dei manoscritti.
Il titolo è tanto semplice quanto ghiotto: "Come si sceglie di pubblicare un libro".Comunque la si pensi sull’editoria in Italia, un simile occasione è più unica che rara.
La sessione è moderata da Stefano Salis, responsabile delle pagine di “Letture” dell’inserto culturale del quotidiano Il Sole 24 Ore, il quale è solo il primo, sul palco, fra coloro che si diranno stupiti della quantità di pubblico in sala.
Non chiedo in giro, ma sono convinto che a parte qualche giornalista, seduti in quelle file immerse nella semi-oscurità siamo tutti scrittori o aspiranti tali.
C’è poco da meravigliarsi, dunque, non credete anche voi? Sul palco ci sono quelli che decidono cosa è grano e cosa è miglio.
La tavola rotonda si apre con l’intervento di Sandro Ferri (Edizioni e/o), che rappresenta il caso eccezionale di un'azienda italiana che è giunta ad aprire una filiale negli USA, il quale getta le basi per l’intera sessione, distinguendo fra fattori relativi a filtri soggettivi, prevalentemente legati alle emozioni suscitate da un testo, e quelli oggettivi, relativi invece alle logiche di mercato e alla linea intrapresa dalla casa editrice; in tal modo Ferri introduce l’interessante concetto di “progetto” editoriale (su cui si è molto argomentato nel corso dell’intera sessione e ancor più durante la discussione finale), ovvero l’impronta caratteristica della missione della casa editrice, imperniata su una sorta di patto stipulato con i lettori che giungono così a riconoscere in un marchio una ben precisa tipologia di prodotto, una determinata selezione di autori e in ultima analisi una specifica caratterizzazione letteraria.
Prende poi la parola Gianluca Foglia (Feltrinelli), che cita la celebre definizione di Daniel Pennac del cosiddetto Passeur, il mediatore culturale, che deve stimolare negli altri la necessità della lettura. Compito dell’editore secondo Foglia è mettere in atto una sorta di profezia, di “pre-visione” in senso letterale, ovvero la valutazione della possibilità che il manoscritto che ha fra le mani diventi un libro reale con una copertina di un certo tipo e una quarta, o un’aletta, scritte in un dato modo; si tratta cioè di immaginare il volume, attraverso e dopo la pubblicazione, nelle fasi di produzione, packaging, promozione, comunicazione a mezzo stampa e quant’altro. È come se l’editore si arrogasse in qualche modo la facoltà di presumere verosimile quest’immagine o di scartarla, semplicemente sulla base delle sensazioni evocate dal testo in lettura. A questo esercizio di “preveggenza” concorrono più realisticamente tre assi decisionali di base: quello estetico (la validità del testo), quello economico (più concretamente legato alla necessità di un profitto) e quello politico-culturale (ovvero la coerenza con il contesto storico di riferimento).
Questi tre criteri vengono subito ripresi da Ernesto Franco (Einaudi), che nel suo intervento tiene a precisare come essi operino sempre in maniera congiunta, e mai l’uno isolatamente dall’altro. Il che da un lato contribuisce ad escludere interpretazioni parziali del ruolo dell’editore come finanziatore (impresa allo stato puro governata dal profitto) o come operatore culturale (istituto di ricerca puro svincolato dalle dinamiche economiche), dall’altro fa sì che nell’azienda editrice possa talora generarsi una lungimiranza persino maggiore di un ente di ricerca pura, quale l’Università, in quanto filtrata e orientata da una opportuna valutazione economica. Franco sottolinea inoltre la interessante distinzione fra la “novità” editoriale, destinata per definizione ad essere superata da una successiva proposta, e ciò che è invece intrinsecamente “nuovo”, ed è pertanto destinato a durare indipendentemente dai contesti e dai mutamenti culturali.
È quindi la volta di Emilia Lodigiani (Iperborea), che della giovane casa editrice che rappresenta è fondatrice. È questo il caso di un’azienda che della peculiare modalità di selezione dei manoscritti, eminentemente geografica, ha fatto il suo simbolo; Iperborea pubblica infatti esclusivamente letteratura di area baltico-scandinavo-neerlandese, una scelta che fu basata a suo tempo sulla scarsissima diffusione in Italia di autori della zona geografica in questione. Ciò ha consentito di proporre in blocco al lettore italiano caratteristiche che sono proprie non solo degli autori, ma anche della cultura popolare e letteraria dei paesi del Nord. Caratteristiche che esercitano una fascinazione che non è aliena al successo ottenuto, quali l’elevato grado di welfare e qualità della vita, una senso della natura straordinario, un modello culturale basato su una forte identificazione fra autore e testo in termini di investimento personale del primo nel secondo, e infine due fattori determinanti: la vivida potenza della tradizione orale nordica, che è progenitrice della narrativa moderna, e il coraggio nell’affrontare a viso aperto tabù che nell’area mediterranea vengono evitati con cura, o nel migliore dei casi trattati con strategico cinismo. In merito all’asse economico, Emilia Lodigiani tiene a precisare che se è vero che anche un libro è un prodotto, il suo contenuto umano eccezionalmente elevato lo rende molto più “anarchico”, irrispettoso cioè delle regole vigenti negli altri settori merceologici.
Stefano Mauri (Gruppo Editoriale Mauri Spagnol) rappresenta in seguito alle recenti acquisizioni un gruppo di ben 17 case editrici diverse, che hanno però conservato ciascuna il proprio marchio. GEMS ha 7 uffici di scouting sparsi nel mondo e vaglia complessivamente a livello internazionale 6000 proposte l’anno da cui si arriva a una selezione di 150 pubblicate. Nella sua esperienza, che ruota attorno alla necessità di individuare criteri che possano valere per un gruppo tanto eterogeneo, e dando prova di inequivocabile pragmatismo, Mauri riduce le variabili decisionali essenzialmente a due: mercato e gusto. I criteri a carattere etico sono infatti sostanzialmente sostituiti da quelli legali, ovvero la semplice valutazione dei limiti alla pubblicabilità. Il gusto, ossia il livello di gradimento del manoscritto in valutazione, in realtà rappresenta solo il 20% iniziale dell’opera di selezione; il restante 80% è costituito dalle varie fasi della filiera del marketing che lo trasformano in un prodotto finito.
Antonio Sellerio (Sellerio) riporta il filo della tavola rotonda all’importanza del contesto culturale, e lo fa in maniera originale, proiettando in sala le immagini dell’itinerario che svolge ogni giorno a Palermo, in automobile, spostandosi dalla sua casa alla sede di lavoro. Il fatto che, per ovvie ragioni geografiche, Palermo sia relativamente emarginata da grandi università, dalle sedi dei quotidiani nazionali, e dalle aree in cui vi è la maggiore quota del mercato dell’editoria, riduce in qualche modo il grado di libertà della scelta e di conseguenza la possibilità di affermazione imprenditoriale. Alcuni degli autori pubblicati da questo editore si sono infatti trasferiti a Palermo, e fra essi vi sono persino due stranieri. Ciononostante Sellerio resta una casa editrice indipendente. Con onestà, Antonio Sellerio riconosce nella fortunata circostanza della fedeltà di Andrea Camilleri un fattore chiave del successo iniziale, nonché della possibilità che in una seconda fase i lettori avessero accesso al resto del catalogo. Le scelte imprenditoriali di questa azienda a vocazione familiare sono certamente state atipiche, ma ad oggi si sono rivelate vincenti: in particolare, fra esse, la rinuncia a modificare veste grafica e dimensioni dei libri (modifiche finalizzate a un più elevato costo copia) ha reso nel tempo facilmente identificabile il tipico volume di piccole dimensioni e dal colore blu, e il rifiuto di pubblicare autori di calibro per una presunta incompatibilità con il proprio progetto editoriale ha contribuito ad una caratterizzazione ben precisa dell’editore presso il pubblico. Una nota interessante: con i suoi autori, Sellerio non stipula di regola contratti multipli né “al buio”, ovvero prima della stesura di un nuovo testo.
La parola passa a Massimo Turchetta (Mondadori), che precisa che fino a questo momento l'incontro si è concentrato sulla narrativa, mentre i criteri per la valutazione della saggistica sono ben diversi. L’editore chiamato a selezionare un saggio ha il compito di individuare un “vuoto” in una determinata area culturale o scientifica, nel quale ritiene vi sia un’esigenza di “riempimento”, come nel caso del saggio di Federico Rampini sull’economia vista dall’oriente, che è stato frutto di una proposta dell’editore all’autore (e non viceversa). Nella narrativa invece, è determinante il progetto editoriale, che per i grandi gruppi (Mondadori pubblica 1250 novità all’anno) non accomuna ovviamente l’intera azienda ma una sua singola linea o una collana.
In merito alla selezione in generale, Turchetta ricorda la fondamentale importanza del ruolo svolto dagli editor e cita in merito il caso di "Gomorra", il cui manoscritto, dopo una prima lettura, venne addirittura fotocopiato all’interno dell’azienda e, diventando oggetto di un vero innamoramento progressivo e collettivo, distribuito a tutte le figure chiave. La mission di Mondadori è quella di incontrare il gusto del pubblico, avendo come obiettivo auspicabile il raggiungimento dell’eccellenza.
La tavola rotonda viene chiusa da Paolo Zaninoni (Rizzoli), ultimo a parlare, secondo l’ordine alfabetico che è stato rigorosamente adottato persino per far sedere i relatori sul palco. Zaninoni ricorda l’importanza della “visione”, e cita in merito, mutuando l’esempio dal mondo cinematografico, il caso di Robert De Niro, che dopo il fiasco subito con un film da lui prodotto sulla base di un libro, riconobbe la propria carenza di visione come causa di quel fallimento. Ancora in tema di saggistica, Zaninoni aggiunge che in realtà l’ "innamoramento" per un certo manoscritto avviene anche in questo ambito e chiude la sessione riconoscendo che tanto nella narrativa quanto nella saggistica vi è di fondo una sostanziale “inconoscibilità” che governa il mestiere dell’editore e, in ultima analisi, lo rende attraente.
Nella breve discussione che segue le relazioni, emerge una interessante differenza fra l’editore di dimensioni minori che in genere attribuisce molta importanza al progetto editoriale, e quello di dimensioni maggiori, che risolve l’eterogeneità al suo interno frammentando una missione comune all’intera azienda in diversi progetti editoriali, ciascuno relativo a una specifica collana o a un marchio editoriale fra i tanti, o viceversa lasciandosi guidare da criteri più oggettivi, attinenti al mercato e al suo andamento, che finiscono in tal caso per prevalere.
Una tavola rotonda di estremo interesse, nell’ambito di una manifestazione ricca di stimoli, benché, come lamentato in precedenza da chi vi scrive, affatto priva di spazio per il genere fantastico.
Speriamo nell'anno venturo.

6 commenti:

mmazzi ha detto...

Ottimo reportage: grazie mille!

Anonimo ha detto...

Grazie caro per questo aggiornamento fatto di mere speranze...
posso garantirti solo che, un 50 per cento degli editori, da te citati, hanno, come giustamente si fa' in questi casi,raccontato frottole.. fatto salvo Sellerio, Mauri, e e/o... il resto, credimi, usa una procedura standard per tutti gli sconosciuti, i così detti autori emergenti... speriamo solo in quel poco di onesto che e' rimasto..
Diamoci dentro e speriamo bene..
Grazie di nuovo e
Buon Lavoro

Stefania C.

Giovanni ha detto...

Insomma nulla per gli esordienti. Conta il testo alla moda che sa emozionare. Non bisogna stupirsi se Moccia viene pubblicato come se fosse il più grande scrittore di tutti i tempi. Va in linea coi concetti esposti: fa vendere tanto.

Francesco Troccoli ha detto...

@Manuela: prego!
@Stefania: è la tua opinione, la rispetto. Devo dire che ho visto persone preparate su quel palco. E' chiaro che in queste occasioni sono più evidenti le positività, ne convengo.
@Giovanni: con tutte le enormi difficoltà che conosciamo, quanto esposto vale anche e soprattutto per gli esordienti. Checché se ne dica, anche i grandi editori leggono i manoscritti, benché l'effetto di diluizione prodotto dalle migliaia di proposte si faccia sentire.

Anonimo ha detto...

"Come si sceglie?"
Io ho scelto direi "molto emotivamente", nel senso che ho accettato una proposta editoriale e ho firmato il contratto senza avere nessuna esperienza...
Non scrivo perchè abbia interesse al guadagno, scrivo perchè mi piace e quando qualcuno ha scelto me in una selezione di opere letterarie, beh, non ho saputo dire di no.
Forse sono la persona meno indicata a lasciare un commento a questo resoconto così dettagliato visto che il mio contratto è comunque una proposta editoriale a pagamento...
Una volta a Roma partecipai ad un incontro simile, e devo dire che la sensazione di sconforto era comune a tutti i partecipanti perchè si parlava di poesia e di quanto questo genere fosse poco considerato.
Grazie Francesco per le tue segnalazioni sempre puntuali e precise, peccato che non le abbia lette prima :)
Giusy

Francesco Troccoli ha detto...

Grazie a te, Giusy. Sì, la poesia è senza dubbio la Cenerentola dell'editoria, mondo in generale poco incline alla qualità.